EURO 2021: #8 FINLANDIA

Salve cari lettori! Io sono Samuele e in questa rubrica vi parlerò delle 24 nazionali che parteciperanno alla fase finale del campionato europeo quest’estate.

 

GUIDA ALL’EUROPEO: FINLANDIA

 

Probabile formazione (5-3-1-1): Hradecky; Uronen, Arajuuri, Toivio, Lam, Alho; Kauko, Schüller, Kamara; Lod; Pukki

 

Dopo anni di tentativi falliti il miracolo è riuscito: per la prima volta la Finlandia è qualificata per la fase finale di un torneo internazionale. Sono passati grandi calciatori, del calibro di Jari Litmanen per esempio, nella Nazionale nordica ma senza mai raggiungere questo risultato che è già di proporzioni storiche. I finnici tenteranno di guadagnare più punti possibili nel gruppo B molto equilibrato e competitivo ma l'impresa effettivamente l'hanno già compiuta.

 

IL COMMISSARIO TECNICO: MARKKU KANERVA

Un ex insegnante di scuola con una carriera da calciatore modesta che ha speso gli ultimi 17 nelle nazionali finlandesi: questo è l'ingrediente segreto che ha regalato la qualificazione a questo team. Finalmente risultati importanti raggiunti con una compattezza mai vista da parte dei suoi giocatori che spingendo sulla corsa e sulla fisicità hanno compensato le carenze tecniche rispetto a nazionali come Grecia e Bosnia battute nelle qualificazioni. Il lungo percorso a servizio della federazione ha pagato trovando l'obbiettivo con veterani arrivati al culmine della loro carriera e giovani promettenti pronti a subentrare.

 

PORTIERI

Tra i pali le gerarche sono ben definite con qualche dubbio solo per il ruolo di terzo portiere. Lukas Hradecky è titolare in una squadra importantissima come il Bayer Leverkusen ed è senza dubbio un riferimento importante per questa Nazionale. Da suo secondo si è comportato molto bene anche Jesse Joronen che da due anni dà certezza a difesa della porta del Brescia, ora in serie B. Per il ruolo di terzo portiere come premio alla carriera potrebbe essere chiamato Niki Mäenpää che a gennaio era senza squadra ma ha trovato continuità al Venezia in corsa per i play-off sempre in serie B. Gli unici che potrebbero impensierirlo sono Carljohan Eriksson che si sta ben destreggiando in Svezia con il Mjallby, e Anssi Jaakkola che ha perso, però, il posto nella stagione travagliata del Bristol Rovers.

 

DIFENSORI

Per quanto riguarda la batteria dei difensori centrali troviamo i classe '88 Paulus Arajuuri e Joona Toivio che sono i totem difensivi da anni di questa nazionale. Serve un altro centrale e il posto se lo giocano Thomas Lam dello Zwolle, che da anni gira l'Europa alla ricerca di continuità, e Daniel O'Shaughnessy che potrebbe far parte della spedizione come uno dei pochi a giocare in patria nell'Helsinki. Altri nomi possono essere i fratelli Väisänen: Sauli è da tre stagioni in serie A anche se quest'anno ha collezionato solo 2 presenze mentre Leo è il più giovane e il futuro della difesa della Finlandia che nell'Elfsborg ben figura essendo già nel taccuino di club di livello. Esperto, invece, è Juhani Ojala che ora al Vejle in Danimarca ha trovato un buona dimensione. Per quanto riguarda i terzini a sinistra Jere Uronen è il titolare essendolo anche nel divertente Genk del campionato belga. Come sua riserva gli esperti Pirinen e Raitala si candidano fortemente mentre a destra si è rafforzata la candidatura di Nikolai Alho dell'Helsnki che ha superato Albin Granlund nelle gerarchie.

 

CENTROCAMPISTI

In mediana un tema caldo è quello di Glen Kamara. È il centrocampista più qualitativo quello dei Rangers ma rischia di saltare le prime 3 partite a causa di una squalifica rimediata in Europa League. Così la titolarità di Joni Kauko si rafforza e probabilmente dividerà i compiti di interdizione con Tim Sparv, uno dei più esperti che gioca in Grecia e tenterà anche costruire. Rasmus Schüller e Robert Taylor sono le mezzali più creative e cercheranno di dare maggiore velocità alla manovra. Nella batteria dei trequartisti Fredrik Jensen dell'Augsburg e Onni Valakari del Pafos sono giovani molto promettenti capaci di dare fantasia davanti. Paradossalmente però è il veterano Robin Lod a giocare spesso alle spalle della punta. È compagno di squadra di Raitala al Minnesota United ed è uno dei giocatori più rilevanti dell'intera MLS.

 

ATTACCANTI

In attacco l'uomo cardine e imprescindibile è Teemu Pukki: bomber giramondo da 25 gol stagionali che hanno regalato la promozione al Norwich ed è anche ormai prossimo a diventare il più grande cannoniere di sempre in Nazionale (30 gol a -2 da Litmanen). Al suo fianco in alternativa a Lod possono giocare Joel Pohjanpalo dell'Union Berlino, che gode di buona considerazione in Bundesliga, o Marcus Forss, classe '99 sempre più protagonista del Brentford. Oltre a loro potrebbero trovare spazio una serie di esterni d'attacco duttili e adattabili a diverse situazioni. Simon Skrabb è uno di questi anche se nel Brescia non è costante anche a causa di infortuni, così entrano in corsa Jasse Tuominen dell'Hacken e Pyry Soiri, compagno di Kauko nell'Esbjerg in Danimarca.

 

Questa, dunque, è la Finlandia: squadra debuttante che non sembra avere la qualità necessaria per sorprendere ma chissà che non possa compiere il percorso magico e inaspettato dell'Islanda di 5 anni fa.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati