EURO 2021: #10 OLANDA

Salve cari lettori! Io sono Samuele e in questa rubrica vi parlerò delle 24 nazionali che parteciperanno alla fase finale del campionato europeo quest’estate.

 

GUIDA ALL’EUROPEO: OLANDA

 

Probabile formazione (4-3-3): Cillessen; Dumfries, de Ligt, de Vrij; Wijndal; de Roon, Wijnaldum, F.de Jong; Depay, L.de Jong, Berghuis

 

L'Olanda arriva a questi Europei con la speranza di disputare un buon torneo per dimenticare gli ultimi anni di cocenti delusioni dominati da qualificazione mancate e continue umiliazioni. Il percorso di Ronald Koeman sembra aver tracciato un'ottima via per la ripresa degli Oranje ma il suo brusco addio per il Barcellona ha lasciato un cantiere aperto. L'Olanda, dopo la finale di Nations League, ha un po' tentennato con alcuni risultati discutibili che fanno tremare i più scettici per quest'Europeo anche se la rosa ha elementi di estrema qualità che potranno dire la loro nella rassegna iridata.

 

IL COMMISSARIO TECNICO: FRANK DE BOER

Frank de Boer ha avuto l'arduo compito di sostituire Ronald Koeman che aveva resuscitato l'Olanda dalle ceneri. Bilancio negativo però, in quanto ha fallito il confronto con l'Italia per entrare nelle finali di Nations League, e ha iniziato male le qualificazioni al Mondiale con un tonfo in Turchia. Criticatissimo in patria ha provato a improntare la difesa a 3 per tornare subito sui suoi passi e confermare il 4-3-3 molto offensivo improntato da Koeman. In compenso ha inserito in pianta stabile dei giovani dell'Eredivisie di gran spessore che potrebbero ben figurare quest’estate.

 

PORTIERI

Parlavamo di cantiere aperto ed è così anche nel ruolo in cui ci dovrebbe essere maggiore sicurezza. Jasper Cillessen dovrebbe essere il titolare ma ha avuto una stagione negativa al Valencia dividendosi il posto con Jaume Domenech e recuperando da gravi infortuni. In sua assenza è stato rispolverato Tim Krul, che ha vinto la Championship col Norwich City, ma non può essere considerato il titolare di una squadra come l'Olanda. Unico altro portiere impiegato da de Boer è Marco Bizot che nell'AZ Alkmaar ha fatto bene in stagione ma non è mai stato considerato il numero 1 per la Nazionale. In lotta per il ruolo di terzo portiere ci sono anche Joël Drommel del Twente, che si è ben distinto tanto da essere già acquistato dal PSV, Sergio Padt del Groningen e anche Maarten Stekelenburg, che approfittando della squalifica di Onana ha trovato nuovamente continuità nell'Ajax.

 

DIFENSORI

L'Olanda è anche sfortunata: due quarti di quella che sarebbe stata la difesa titolare probabilmente non saranno parte dei convocati. Virgil van Dijk e Daley Blind potrebbero essere assenze pesanti a causa di infortuni molto gravi che limitano le loro chance di recupero. Così al fianco di de Ligt, ormai top anche alla Juve, dovrebbe trovare posto Stefan de Vrij, fresco di scudetto potrebbe finalmente aver gloria anche in Nazionale. In alternativa potrebbe trovare minuti anche Nathan Aké, che al City ha avuto problemi sia fisici che di ambientamento, e Joël Veltman del Brighton che può fare pure il terzino. Un nome che in patria chiamano con forza è quello di Sven Botman, centrale del Lille che sta lottando col PSG per il titolo in Francia, che non ancora debuttato così come Schuurs dell'Ajax, entrambi ancora in Under 21. Al posto di Blind a sinistra dovrebbe trovare posto Owen Wijndal, altro talento dell'AZ Alkmaar a cui de Boer ha dato fiducia incondizionata. Unica vera alternativa di ruolo è Patrick van Aanholt del Crystal Palace che può garantire esperienza e affidabilità. A destra c'è un altro punto fisso come Denzel Dumfries del PSV che è sempre stato preferito a Hans Hateboer che risente di non poter giocare da quinto come nell'Atalanta. Così proprio Hateboer potrebbe essere scavalcato nelle gerarchie da Kenny Tete, uno dei più positivi nella stagione travagliata del Fulham.

 

CENTROCAMPISTI

Il trio di centrocampo maggiormente collaudato è uno dei punti di forza di Nazionale. Maarten de Roon e Frenkie de Jong in mediana come creatori di gioco sono sicuramente invidiabili e aver davanti uno come Georginio Wijnaldum rende il tutto ancora più intrigante. Per il centrocampista in uscita dal Liverpool sono 8 gol e 2 assist in 7 presenze nelle qualificazioni ed è uno dei papabili per ricevere la fascia di capitano in assenza di van Dijk. Ultimamente si è fatto sentire anche Davy Klaassen, rinato in questa stagione all'Ajax, avendo collezionato 16 gol stagionali con i lancieri. Lui come trequartista e il suo compagno giovanissimo Ryan Gravenberch sono stati dei protagonisti indiscussi dell'Eredivisie. Il classe 2002 brucia le tappe e dopo aver esordito sembra favorito per un posto tra i centrocampisti anche davanti a uno come Donny van de Beek, che nel Manchester United ha avuto un impatto nullo in questa stagione. Altro nome per la mediana è quello di Teun Koopmeiners che con l'AZ da specialista dei calci piazzati ha collezionato 15 gol in campionato. Sembrano, ormai, tagliati fuori profili più esperti come Davy Pröpper del Brighton e Kevin Strootman, che nonostante un'annata importante col Genoa potrebbe aver già fatto il suo corso in Nazionale.

 

ATTACCANTI

In attacco si trova la stella più luminosa degli Oranje: Memphis Depay. Il numero 10 del Lione ha partecipato a 15 gol tra qualificazioni e Nations League negli ultimi due anni in Nazionale è sarà il pericolo numero uno. Con l'Olanda non gioca da prima punta ma torna agli antipodi partendo da sinistra lasciando spazio a una punta centrale molto fisica che spesso risponde al nome di Luuk de Jong. Spodestato da En-Nesyri al Siviglia, gode di maggior considerazione in Nazionale essendo molto più esperto delle alternative. Donyell Malen e Myron Boadu sono giovani dal talento indiscusso che però sono acerbi a livello internazionale avendo poche presenze in Europa con PSV e AZ, mentre Wout Weghorst nonostante abbia trascinato il Wolfsburg a lottare per la Champions non ha mai trovato troppo spazio. A destra potrebbe trovare spazio un giocatore che ha trovato la sua dimensione piuttosto tardi: il classe '91 Steven Berghuis è reduce dall'ennesima gran stagione al Feyenoord. Nei cinque anni a Rotterdam ha collezionato 85 gol in 195 presenze guadagnandosi un posto tra gli 11 di de Boer sempre più spesso. A lui si alterna il giovane Calvin Stengs, classe '98 che con Boadu forma una coppia terribile all'AZ. Questi nomi sembrano sicuri di un posto ma vanno citati anche Quincy Promes, titolare fino a quando militava nell'Ajax ma il suo ritorno allo Spartak Mosca non fornisce garanzie, e Steven Bergwijn, che dopo un inizio devastante al Tottenham ha disputato un anno molto debole dal punto di vista realizzativo. Tra questi la potrebbe spuntare Ryan Babel, vecchio leone ancora decisivo in Turchia col Galatasaray.

 

Tanto talento, tanta gioventù ma anche tanti dubbi sul temperamento della squadra nei 90 minuti. La solita Olanda viene da dire ma attenzione perché nonostante la seconda fascia il sorteggio è stato benevolo e passare un girone in carrozza potrebbe dare l'energia giusta per compiere un cammino importante che darebbe nuova linfa a un movimento che merita di stare costantemente tra i più grandi.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati